MORTE DELLA SCUOLA STATALE E IL SUO FUNERALE. Manifestazione 25 giugno 2015

Posted in scuola, video e foto with tags , , , , , , , , on 27/06/2015 by rosalbas

LA BUONA SCUOLA DELLA LOBBY ( DA “IL FATTO QUOTIDIANO”)

Posted in scuola with tags , , , , , , , , on 05/06/2015 by rosalbas

FINALMENTE HANNO PUBBLICATO QUESTA NOTIZIA!
Da giorni e giorni noi docenti la stiamo divulgando! Scrissi anche io alla redazione e con me molti altri colleghi.

https://neroassenso.wordpress.com/2015/05/25/la-buona-scuola-amata-da-confindustria/
https://neroassenso.wordpress.com/2015/05/28/come-ti-valuto-un-docente-eh-eh-come-ti-distruggo-la-scuola-statale/
https://neroassenso.wordpress.com/2015/05/27/ddl-scuola-quella-pessima-e-gli-albi-territoriali-perdita-della-titolarita-della-sede/

11393146_10206769730462460_7173948257568771227_n

11391389_10206769731982498_193139097637335378_n

IL FATTO

GOCCE DI MUSICA- Brian Crain ” Rain” R.Sakamoto ” Aqua”

Posted in musica, poesia, video e foto with tags , , , , on 02/06/2015 by rosalbas

NEL GIORNO DEL MIO COMPLEANNO

POSSO STUPIRVI CON EFFETTI SPECIALI.

-ooo-

DI FRESCO

 

Di caldo piove dall’alto un velo.

Solo il tuo canto strozzato

palpita di fresco.

E nel limite dell’abbraccio

uno squarcio d’ombra s’apre.

Porgimi l’acqua

che dalle tue palpebre sgorga

e lascia che il deserto anneghi.

-ooo-

Rosalba Sgroia

2001

da “Che importa cosa sia!”

final_1766564708 - Copia

ESSERE

***
Sembra tanto difficile,
sembra tanto ostentato
questo mio incedere
questo mio essere.
Nulla di più naturale
nulla di più vero.
E mi spiace davvero
se viene frainteso
il senso del mio
più profondo sentire.
Vivere non è finzione
ma essere dentro se stessi.
Quando mi cerco mi trovo
e sento di appartenermi sul serio.
Indescrivibile ciò che provo
a chi non è
e a chi non può essere
SE STESSO.
***
Rosalba Sgroia
28 ottobre 2013

ACQUABUDA

final_1586130276

COME TI VALUTO UN DOCENTE, eh eh…COME TI DISTRUGGO LA SCUOLA STATALE

Posted in scuola with tags , , , on 28/05/2015 by rosalbas

CON IL DDL, cosiddetto “BUONA” SCUOLA…

1) NON SOLO DOVREMMO PERDERE LA TITOLARITA’ DI SEDE E FARE LE TROTTOLE PER LA REGIONE ( clicca sul link)

2) NON SOLO DOVREMMO  ESSERE COMANDATI A BACCHETTA DAI DIRIGENTI, COME AVVIENE IN CERTE SCUOLE PRIVATE ( clicca sul link)

3) NON SOLO DOVREMMO SOTTOSTARE ALLA POLITICA DEI POTERI FORTI (clicca sul link)

4) NON SOLO DOVREMMO LAVORARE  IN CONDIZIONI PEGGIORI DI QUESTA (clicca sul link)

5) NON SOLO DOVREMMO ACCETTARE SUPINAMENTE LO STRAVOLGIMENTO DEI NOSTRI CONTRATTI  SENZA CONFRONTO SINDACALE , COSA GRAVISSIMA! ( art 21 DDL) clicca sul link

6 ) MA DOVREMMO ANCHE SUBIRE  ANCHE QUESTO METODO VALUTATIVO/ VESSATORIO? PERCHE’?

Allora, mi viene da pensare che l’odio nei nostri confronti si può spiegare solo con una frustrazione personale molto forte per incapacità di apprendimento, malgrado gli sforzi dei poveri docenti!

LA DEMOCRAZIA E’ IN PERICOLO!

Ins Rosalba Sgroia

15702_1368463526985_6126109_n

11188322_10205431195391785_699505215499097422_n

DDL SCUOLA quella PESSIMA E GLI ALBI TERRITORIALI. PERDITA DELLA TITOLARITA’ DELLA SEDE

Posted in scuola with tags , on 27/05/2015 by rosalbas

*******************************************************************

TRA QUALCHE TEMPO NESSUNO FARA’ IL DOCENTE.

GIA’ LE NOSTRE CONDIZIONI SONO SVILENTI…DOPO AVER LETTO QUESTA COSA QUI SARA’ ANCORA PEGGIO

IPOTIZZO CHE SI RICHIEDERA’, ANCORA PIU’ A BASSO COSTO, IL LAVORO DEGLI STRANIERI.

SAREMMO GLI UNICI DELLA P.A AD ESSERE TRATTATI IN QUESTO MODO. PER ORA!

*******************************************************************

         DA     ITALIA     OGGI   26/05/2015       

Le novità, dagli albi al reclutamento

I docenti perderanno la titolarità della sede

ALBI REGIONALI. I docenti non avranno più la sede di titolarità e perderanno il diritto a chiedere di essere trasferiti da una scuola all’altra. La perdita del diritto vale anche per la mobilità annuale (utilizzazioni e assegnazioni). Il testo varato dall’aula prevede che i docenti saranno inseriti in un albo regionale e poi saranno i presidi a scegliere gli insegnanti traendoli dall’albo.

AMBITI TERRITORIALI E MOBILITÀ. Va detto subito che la facoltà di scelta dei docenti da parte dei dirigenti incontrerà il limite dell’ambito territoriale. In pratica, i presidi potranno indirizzare le loro proposte solo ai docenti che risulteranno in forza in un territorio geografico definito. Che non dovrebbe eccedere i confini della provincia e che, in ogni caso, non potrà essere inferiore al territorio di competenza delle città metropolitane. La facoltà del docente di chiedere di spostarsi continuerà ad esistere solo tra ambiti geografici. In buona sostanza, dunque, ferma la cancellazione dei trasferimenti nell’ambito del comune e nell’ambito della provincia, i docenti avranno titolo solo a chiedere di spostarsi da una provincia a un’altra. Sempre che l’ambito territoriale coincida con la provincia. E dopo avere ottenuto il trasferimento nel nuovo ambito geografico, dovrà mettersi in fila e attendere la chiamata del preside.

MOBILITÀ D’UFFICIO. Se un docente dovesse ricevere più chiamate da parte di altrettanti presidi, potrà scegliere dove andare. Se ne avrà una soltanto, sarà tenuto ad andare a lavorare nella scuola alla quale è applicato il dirigente dal quale ha ricevuto la proposta. Se invece non dovesse ricevere alcuna proposta, sarà l’ufficio scolastico ad assegnargli una sede d’ufficio individuata tra quelle rimaste vuote.

COMPENSI AGGIUNTIVI. Le retribuzioni aggiuntive non saranno più assegnate solo a chi avrà svolto del lavoro straordinario. Il dirigente, infatti, avrà facoltà di disporre di un budget, dal quale trarre somme di denaro da attribuire ai docenti che riterrà di gratificare. Per tali dazioni dovrà tenere conto del parere (non vincolante) di un comitato di valutazione in cui vi saranno anche 2 genitori e, nelle secondarie di II grado, anche un alunno, al posto di un genitore.

STAFF DIRIGENZIALE. Lo staff dirigenziale non sarà più composto solo da due collaboratori. Il dirigente potrà assegnare incarichi di gestione e organizzazione fino a un massimo del 10% dell’organico dei docenti. La copertura di tali incarichi non darà titolo ad avere retribuzioni aggiuntive. Sarà il dirigente, se lo riterrà opportuno, che potrà effettuare dazioni in denaro ai docenti che individuerà secondo gradimento, traendo le somme dalla dotazione finanziaria appositamente assegnata all’istituzione scolastica. I fondi stanziati dal disegno di legge a questo scopo ammontano complessivamente a 200 milioni.

LA CARD. I docenti riceveranno una carta di credito di 500 euro, che potranno utilizzare per sostenere i costi relativi all’aggiornamento e alla formazione.

IMMISSIONI IN RUOLO. Il dispositivo prevede l’assunzione di 100mila docenti precari: una parte tramite la copertura del turn over e la parte residua in un organico aggiuntivo, che servirà per le supplenze e l’arricchimento dell’offerta formativa. Le graduatorie a esaurimento delle secondarie e dei concorsi ordinari decadranno definitivamente. Rimarranno in piedi solo quelle dell’infanzia e della primaria.

NUOVO RECLUTAMENTO. L’attuale disciplina del reclutamento subirà modifiche sostanziali. Soprattutto per quanto riguarda i neo immessi in ruolo dai nuovi concorsi. Che non saranno assunti direttamente con un contratto a tempo indeterminato. Dopo avere vinto il concorso, saranno assunti a tempo determinato per 3 anni con un contratto di apprendistato a stipendio ridotto. E al termine del triennio, se il dirigente lo vorrà, potranno stipulare il contratto a tempo indeterminato.

DIRITTI E DOVERI. SONO DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA? HANNO LO STESSO PESO?

Posted in diritti civili, politica, scuola, video e foto with tags , , , , , on 27/05/2015 by rosalbas

Ho sempre insegnato ai miei piccoli alunni che DIRITTI E DOVERI sono facce della stessa medaglia e che devono essere equamente considerati nella vita di ogni cittadino di una società civile e DEMOCRATICA.Società che deve, in ogni caso, tutelare le fasce effettivamente più deboli della società.
ORA, dovranno imparare l’esatto contrario, cioè che l’una è più pesante dell’altra?

CERTO, SONO ANCHE D’ACCORDO NEL DIRE CHE PER ALCUNI VOLTE I DIRITTI SONO SPROPORZIONATI RISPETTO AI DOVERI, MA ORA?

PERCHE’ NON SI PUO’ LAVORARE PER L ‘EQUITA’? SOPRATTUTTO CON LA RIDUZIONE DEI PRIVILEGI  DELLE FASCE PIU’ FORTI?

 -ooo-

Non siamo ancora in  una dittatura nel pieno senso del termine, no ma da quello che si è visto in questi ultimi 20 anni in ITALIA, se ne ha tutta l’aria. Le ultime vicende avvenute in PARLAMENTO , poi, lo confermano. 

* Scippo delle pensioni, Job act, Italicum approvato a colpi di fiducia e chi più ne ha più ne metta.

Respiriamo, appunto, un’aria di finta democrazia.

Si è presentato un ddl sulla scuola che fa pietà, non si sono consultati i sindacati e i docenti, ma si sono consultati organi legati a banche e confindustria ( uniti ai poteri confessionali) i quali hanno praticamente scritto e dettato il ddl.

Non si sono prese in considerazione le proteste e sollevazioni popolari .

Questo è un bieco tentativo di eliminare piano piano la democrazia in tutto il paese.

Si stanno togliendo i diritti a tutti con la scusa della crisi economica.

Si porterà tutti a lavorare per 4 soldi e anche la mancata regolamentazione dei flussi migratori aggraverà di molto le condizioni di tutti.

Quando si arriva a questo…di cosa parliamo?

SIAMO  SCHIAVI DI QUESTO SISTEMA MALATO!

 

Medaglia

                                                                                                                                                                      Rosalba Sgroia

FINANZIAMENTO SCUOLE PRIVATE: ABBIAMO TOCCATO IL FONDO, ORA NON RESTA CHE SCAVARE LA FOSSA PER LE SCUOLE STATALI

Posted in politica, scuola with tags , , , , , , , , on 27/05/2015 by rosalbas

SALVIAMO LA SCUOLA PUBBLICA STATALE!
IL DDL NON DEVE PASSARE.
VOGLIONO RIDURCI COSI :

Lo sfogo di una collega su FB

11223958_10206536799999344_5809926994401076641_n - CopiaIO STO MALE PER TUTTO QUESTO!

Non  tanto  per me, anche se dovrò sopportare questo schifo per altri 15 anni

SE NON MUOIO PRIMA , ma   è per i GIOVANI, PER LA DEMOCRAZIA DEL PAESE!

CHI SCEGLIERA’ I DIRIGENTI CHE DOVRANNO SCEGLIERE I DOCENTI?
SI FINANZIANO LE SCUOLE PRIVATE CON SOLDI PUBBLICI E LA SCUOLA PUBBLICA DOVRA’ ELEMOSINARE SOLDI AI PRIVATI!
TUTTO PER ESSERE ASSOGGETTATI AI POTERI FORTI.
QUESTO E’ ABERRANTE!
HANNO SAPIENTEMENTE E COSCIENTEMENTE DEMOLITO I DIRITTI DI TUTTI!

 SULLE DELEGHE IN BIANCO AL GOVERNO

SI parla dei rischi che corriamo? Leggendo le deleghe e volendole interpretare, il governo delega se stesso a modificare, senza passare per il parlamento o trattare con i sindacati, il calendario, l’orario di lavoro e in sub-ordine anche il nostro trattamento econonomico.

SUGLI ALBI TERRITORIALI —————>  LEGGI

-ooo-

 SI CONTINUA A FORAGGIARE LE SCUOLA PRIVATE MENTRE NELLA STATALE SI SFASCIA TUTTO

DITELO A TOCCAFONDI:

SIAMO NOI AD AVER TOCCATO IL FONDO, ORA CI FORNISCONO LA PALA PER SCAVARCI LA FOSSA.

E DENTRO CI FINIRA’ L’ITALIA INTERA!

Per la gioia di Banche, Confindustria e CEI

Rosalba Sgroia

-ooo-

DA L’ESPRESSO

                       SCUOLA, LA DETRAZIONE PER LE PARITARIE CI COSTERA’ 66 MILIONI ALL’ANNO

Una relazione del ministero calcola che la detrazione di 400 euro all’anno per chi iscrive i figli in una scuola privata vale 66,4 milioni: il doppio nel 2016. «Finalmente» dice il sottosegretario Toccafondi, alfaniano. Dubbi sulle coperture.

CONTINUA A LEGGERE

4d6d3df269546827fd20816c2996e16a_XL2014-03-21 08.25.18 (3)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 26 follower