LA FELICITA’: è qui, è ora!

Leggevo questo scritto di  André Comte-Sponville ( filosofo materialista, razionalista e umanista), trovato in rete, e ripensavo alle mille volte in cui ci chiediamo cosa è la felicità. Mi ritrovo in queste parole ( spesso l’ho manifestato anche nelle mie poesie , come , per esempio, in quella che potete leggere più in basso) Molto spesso anche io parlo  di speranza, ma poi mi rendo conto che la speranza mi porta lontano dal presente e mi toglie la felicità del momento.

“Per essere felici su questa terra bisogna innanzitutto rinunciare a una felicità permanente, perché non si può essere felici per le cose passate e per quelle ancora a venire. Bisogna sottrarre la felicità al desiderio di ciò che ci manca, di ciò che non abbiamo, o perché lo abbiamo già avuto o perché non l’abbiamo ancora. Bisogna sottrarla alla speranza. Bisogna sottrarre la felicità al tempo.
Questo non vuol dire contrastare o reprimere il nostro desiderio, perché esso fa parte dell’essenza della nostra umanità, della nostra carne e del nostro spirito. Si tratta invece di vivere il desiderio diversamente da quanto abitualmente facciamo: non dobbiamo desiderare ciò che non abbiamo, ma dobbiamo desiderare quello che abbiamo.
Collocare il desiderio nel presente vuol dire viverlo come «potenza», come energia vitale. Desiderare ciò che non si ha è speranza. Desiderare ciò che si ha è amore. Desiderare ciò che si ha è il sentimento che provano due amanti nell’amplesso. La felicità, gli amanti non la pongono nel desiderio in qualcosa che non hanno, perché, nel momento in cui si amano, hanno tutto quello che desiderano, ma nel desiderio della permanenza del presente, pur immerso in una durata. La felicità vera possiede questa dimensione che è la dimensione di eternità, intesa non come durata indefinita, ma come permanenza nel presente, la quale è anche dimensione di verità.
La felicità è «gioia del desiderio in atto». Più che trasformare il desiderio in piacere, la felicità è la capacità di gioire dello stesso desiderio. La felicità non è altro che «l’amore realizzato del desiderio che resta desiderio» ha scritto il poeta francese René Char.
La felicità non è vera felicità se viene riposta nel desiderio di ciò che manca e, dunque, nella speranza. La felicità non può essere che disperata, e cioè liberata dalla speranza. Essa sgorga da un presente vissuto in tutta la sua pienezza. In esso, passato e futuro si dissolvono. In esso è quiete e il massimo del movimento. È, insomma, l’eternità qui ed ora.”

«Filosofare, scrive Comte-Sponville, è pensare la propria vita e vivere il proprio pensiero» Egli propone una metafisica materialista, un’etica umanista e una spiritualità senza Dio, che costituiscano «una saggezza per il nostro tempo» da Wikipedia

Mia poesia pubblicata su  Che importa cosa sia!


ORA SI VIVE

(Ed è la musica che  placa e ristora)

Densa e di fuoco assale,

ora, il mio corpo, un’onda.

Note invitanti,

di carezze mi saziate,

ma avanti, continuate…

Non è ora di terminar le danze.

Amica luna,

che leggero abbraccio stasera,

ci voleva!

Sorrido e mi strazio,

ad alta voce canto

mentre sgorgano impetuose

lacrime senza perché,

piene di vita…

Fuga in avanti a testa indietro

con occhi sgranati e fieri.

Canta, voce calda d’amore,

canta!

Risuona nel petto

e gemi di dolore,

gemi!

L’ascolto è nelle viscere

e sa placar l’attesa.

Attendo.

Ridi melodia e accogli

l’anima che trema,

ridi.

Stendi le braccia

e prendi più che puoi.

Ora si vive.

Ora.

Sola, ma con me stessa vivo.

Posso, voglio, devo.

-ooo-

Rosalba Sgroia

2002

Ascoltando Jan Garbarek ” RITES”

Rosalba


 

 

Annunci

9 Risposte to “LA FELICITA’: è qui, è ora!”

  1. La poesia è molto bella.
    Sul resto non mi pronuncio, perché ho abbandonato la speranza da molto tempo.
    Un caro saluto!

  2. Menphis Says:

    Mi stavo domandando se la Rosalba del 2002 è la stessa di oggi e se le speranze che coltivava allora per essere felice si sono compiute.

    … Se Obama ha vinto il premio nobel per la pace, la Muller quello per la letteratura hai buone speranze di essere la prossima vincitrice.
    Un abbraccio

  3. Menphis
    beh sono cambiate tante cose e, sai, da quando ho imparato a vivere il presente senza aspettarmi nulla, a vivere me stessa e apprezzandomi NON in funzione di qualcun altro…sai, ho trovato la felicità.
    🙂

    Il nobel , ma de che??? Nessuna speranza, intendi? non mi interesserebbe neanche, caro ironico. 🙂

  4. Menphis Says:

    Veramente non volevo essere ironico … vincilo per la famiglia … un milione di euro è una bella cifra … quelli dell’UAAR saranno felicissimi di avere tale donazione!!!! 🙂

    • Caro Menphis, sai bene, e lo so anche io, che non sono nessuno, quindi niente nobel. Niente soldi ecc ecc Poi l’Uaar non ci chiama CCAR, ok?

  5. mi viene in mente un commento banale (io non sono un filosofo) “la vita è adesso” di claudio baglioni.
    un abbraccio
    ciao

  6. salve Rosalba..
    ero proprio alla ricerca di uno scritto che esprimesse questo pensiero..
    grazie di averlo pubblicato e.. mi permetto di farne una “fotocopia” per la mia raccolta di appunti.. (credo non Le dispiaccia, ma eventualmente posso prontamente rimuoverlo)
    ho letto un poco di Lei e di ciò di cui si occupa e..
    Le faccio i miei più sinceri complimenti..
    ho esagerato dando del Lei?? cmq… è che sono un poco imbarazzato…
    sorrido..
    Auguroni per tutto, Rosalba…
    🙂

    • @ antonio
      grazie a te ( è meglio del Lei, no?Nessun imbarazzo su…), in fondo anche io, a parte la poesiola, ho trovato il testo sul web.
      Grazie anche per l’apprezzamento della mia attività 🙂
      Un cordiale saluto!
      Ros

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: