LA LAICITA’: UNA QUESTIONE “CRUCIALE”

LA LAICITA’: UNA QUESTIONE “CRUCIALE”

di Andrea Pessarelli– Coordinatore provinciale ass. Radicale Adelaide Aglietta

Con questo intervento intendo proporre alcune considerazioni, a mio avviso non eludibili, riguardanti la mozione approvata lunedì scorso dal Consiglio Comunale, che prevede l’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche e negli uffici della Pubblica Amministrazione. Tale iniziativa (poratata avanti a livello nazionale dalla Lega Nord) come è noto scaturisce in reazione alla recente sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che ne impone invece la rimozione ove presenti.

Gli argomenti principali a sostegno della mozione sono la continuità con la tradizione cattolica (le famose radici cristiane) e il riconoscimento del crocifisso come simbolo rappresentativo di valori universalmente accettati, al di là delle diverse credenze religiose e delle diverse concezioni della vita e del mondo che ciascun cittadino liberamente coltiva; vi è poi un ulteriore argomento, non presente nei documenti formali ma evidente nei discorsi e nei sottintesi, che è la necessità di porre un argine alla temuta incipiente islamizzazione dell’occidente. Si tratta con ogni evidenza di proposizioni che, per non essere considerate autoreferenziali, necessitano di una giustificazione che le renda compatibili con l’impianto democratico su cui si fonda lo Stato di diritto, sia perché mostrano più di un punto debole, sia perché un’iniziativa che produca come conseguenza il conferimento allo Stato di una qualsivoglia caratteristica non espressamente descritta nella Costituzione deve giocoforza offrire le più ampie garanzie di disponibilità alla verifica critica.

Tralascerò volutamente analisi di tipo tecnico – giuridico – procedurale (per esempio la questione se l’autonomia degli Stati Nazionali possa o meno prevalere nei confronti dell’autorità di un organismo come la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo) sia perché già ampiamente dibattute da esperti, sia perchè ritengo esistano argomenti sostanziali ugualmente risolutivi, e che non presuppongono per essere compresi né una competenza specifica né un livello di istruzione élitario. Prima di tutto occorre chiarire che una democrazia compiuta e consapevole non ha bisogno di individuare simboli e significati al di fuori di se stessa e che è una crepa, un segnale di debolezza non trovare esaurienti i valori della Costituzione e i simboli ivi previsti, e dover così ricercare altrove un’occasione di riconoscimento della propria identità.

Il riferimento a ideologie o a sistemi valoriali altri evidenzia un “lack” sul cui significato e sulla cui portata occorrerebbe riflettere seriamente e in modo approfondito. Anche volendo accettare – per amore di discussione – l’esistenza di tale necessità, si può ben comprendere come meno che mai siano idonei a mutuare tale mancanza sistemi di pensiero fondati su dogmi, e più in generale su affermazioni non dimostrabili e quindi autoreferenziali, essendo le moderne democrazie sorte proprio dalla messa in discussione dell’esistenza di una verità unica e indiscutibile che sia utilmente applicabile all’organizzazione della società umana; uno Stato effettivamente democratico e di diritto è piuttosto la sintesi positiva di tutte le differenze e di tutte le idee e del confronto fra esse, piuttosto che il loro livellamento e la loro omologazione; uno Stato che voglia dirsi democratico e di diritto per definizione non ha alcun compito né alcuna autorità né alcun interesse a favorire (né d’altra parte a ostacolare) l’adesione dei suoi appartenenti a questa o quella dottrina, nè può permettersi di scovare valori e simboli extracostituzionali che abbiano la pretesa di rappresentare tutti: quando un simbolo o un valore o un sistema di valori non discende dal confronto democratico (la dottrina cattolica non gode di questo requisito, discendendo da una verità rivelata), conseguentemente non attiene all’ambito della democrazia e quindi non può rappresentare l’identità collettiva, ammesso beninteso che ne esista una.

L’ideologia cattolica nella fattispecie non è adatta a rappresentare la complessità dei valori che connotano come democratica una nazione (o una città) in quanto proclama – addirittura come non negoziabile – il principio supremo dell’indisponibilità della vita, contraddicendo in questo modo il diritto all’autodeterminazione, che è una “conditio sine qua non” della democrazia essendo propedeutico a tutti gli altri diritti, che risulterebbero impraticabili e svuotati di significato in assenza di esso. Né possiamo trascurare il fatto che il cocifisso non è un simbolo neutrale in quanto la Chiesa Cattolica non è neutrale, non manca infatti di intervenire con grande impegno e assiduità su molte delle questioni più controverse sulle quali il Parlamento è chiamato a pronunciarsi.

In particolare sui temi della bioetica le recenti vicende di Luca Coscioni, Piergiorgio Welby, Eluana Englaro (per citare solo le più note) hanno evidenziato come vi sia una diffusa e crescente sensibilità nei confronti del diritto individuale di decidere prescindendo da imposizioni di tipo moralista o ideologico o diversamente coercitivo; sensibilità nei confronti della quale la Chiesa non è rimasta neutrale, esercitando ogni possibile pressione per depotenziare tale istanza di libertà, rendendo in questo modo palese il carattere velleitario della difesa del crocifisso come simbolo di tutti.

È un fatto incontrovertibile che il crocifisso è un simbolo che divide anziché unire, come si può facilmente dedurre proprio dall’asprezza dell’attuale contesa tra favorevoli e contrari, ed è difficile trovare una giustificazione sostenibile – sia dal punto di vista prettamente democratico che da quello dell’opportunità – che renda convincente la scelta di un elemento di divisione anziché se mai di condivisione. Per quanto riguarda infine la questione della diffusione della religione musulmana in occidente occorre notare che non sono differenze dottrinarie o teologiche a rendere l’Islam più pericoloso o meno accettabile del Cristianesimo (nei testi sacri, nelle tradizioni e nella storia di entrambi vi sono parimenti precetti e comportamenti accettabili e precetti e comportamenti inaccettabili) quanto piuttosto il fatto che l’occidente “cristiano” è maggiormente secolarizzato rispetto ai Paesi a prevalenza musulmana e molte pratiche e precetti religiosi sono stati abbandonati in quanto non più compatibili con i cambiamenti determinati nella società dalla modernità e dallo siluppo delle conoscenze scientifiche. La migliore risposta al rischio di un’Europa islamizzata non è quindi la contrapposizione di una forzosa identità cristiana (cioè di un’immagine speculare) quanto piuttosto leggi e Istituzioni impermeabili – e non selettivamente permeabili – a istanze autoritarie e ideologiche, a prescindere che siano percepite come estranee o come familiari.

Annunci

6 Risposte to “LA LAICITA’: UNA QUESTIONE “CRUCIALE””

  1. Rod Says:

    Visto che ti batti per la laicità cosa ne pensi di chi vuole permettere l’apertura dei centri commerciali anche alla Domenica e nei giorni tipo Natale o Pasqua? Cosa cambia in fondo per i lavoratori e commessi dei suddetti centri se grazie ai turni di lavoro riposano un giorno diverso rispetto alla Domenica, al Natale, a Capodanno o a Pasqua? Tu vuoi che lo stato laico riconosca il riposo domenicale o natalizio oppure no? Tieni presente anche che pure i lavoratori ebrei potrebbero reclamare il diritto a riposare di Sabato o nelle varie ricorrenze ebraiche.

  2. ottimi argomenti, in particolare quelli che rispondono a chi, anche all’interno del fronte laicista, tende a mettere dei distinguo nei confronti dell’islam perchè ritengono che sia incompatibile con la democrazia: di per sè lo è anche il cattolicesimo istituzionale, ma certo non è mettendo dei paletti troppo alti alla libertà religiosa che si può arginare; piuttosto, come dici, avere maggior senso dello Stato, che significa anche più laicità, il miglior antidoto a tutti i fondamentalismi, autoctoni o no.

  3. inizio a pensare seriamente che prendere porta pia sia stato un grosso errore.
    se gli restituissimo il potere temporale e smettessimo di dare soldi e privilegi?
    abbiamo un’economia moderna et liberale, privatizziamo il vaticano!

    non è stato il regno d’italia a entrare nella chiesa ma il contrario.

  4. Secondo il mio modo di vedere, il discorso è più complesso. Comunque pure io auspicherei un mondo senza religio. Un saluto. “I Radicali non mi piacciono, come i pseudo-sinistri!”

  5. tessuto Says:

    Visto che ti vanti di esserti fatta una foto con la HAck, quella che ha la mente chiusa sei proprio tu.

    Tra la Hack e la Montalcini non saprei chi dei due è più idiota obsoleta e allo stesso tempo retrograte al medioevo.

    Ma va la va..

    • Tessuto, chi sei, di grazia?
      Vuoi che mi faccia una FOTO CON TE?
      ma va là…
      OSSEQUI
      :-))))))

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: