Archivio per gennaio, 2010

RADICI CRISTIANE DELL’EUROPA? FORSE QUELLE MARCE…

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, laicità, politica, religione e potere, riflessioni, storia, uaar, video e foto with tags , , , , , , , , , , , , on 28/01/2010 by rosalbas

Intervenendo all’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Frattini ha dichiarato che il cristianesimo “è un pilastro dell’Europa” e che aver sottovalutato questo aspetto ha provocato  in Europa  un ” razzismo rovesciato” (??????????)

BENE, ricordiamo a Frattini come si sedimentò e si cristallizzò, il cristianesimo CATTOLICO: con Teodosio ( largamente e pesantemente influenzato da Ambrogio, diventato (sic!) uno dei santi più adorati).

Altro che laicità, altro che laicismo!

Forse le radici per questi politicanti iniziano un po’ troppo in superficie…a partire proprio da questo periodo (  e sono radici marce).

Ecco cosa diceva l’imperatore:

Noi vogliamo che tutti i popoli governati dalla clemenza nostra seguano la religione che il santo apostolo Pietro rivelò ai Romani e che il pontefice Damaso e il Vescovo Pietro d’Alessandria professano. Noi crediamo che il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo formino un sola divinità sotto un’eguale maestà e una pia trinità. Pertanto ordiniamo che tutti quelli che seguono questa fede si chiamino Cristiani cattolici, e, poiché crediamo che gli altri siano dementi e insani, vogliamo che essi subiscano l’onta dell’eresia e che i loro conciliaboli non abbiamo più il nome di chiese. Oltre la condanna della divina giustizia, essi riceveranno le severe pene che la nostra autorità, guidata dalla celeste sapienza, vorrà infliggere loro.”


Del resto ascoltate questo rappresentante del clero e poi ditemi se i suoi “discorsi” non somigliano  a  quelli di Teodosio!

Annunci

Raiuno: prete lancia attacchi illiberali contro l’uaar e i suoi soci – Per lui gli atti vandalici sono atti di liberta’ e il vero reato e’ essere atei!

Posted in 1 with tags , , , , , , , , , , , , , , on 26/01/2010 by rosalbas

Ecco le testuali parole di un prete , un certo don Mario Pieracci, che attacca pesantemente l’UAAR nella trasmissione “La vita in diretta” . Si parlava del crocifisso,  della vicenda della rimozione del Giudice Luigi Tosti , della sentenza di Strasburgo e del ricorso vinto dalla famiglia Albertin.

Massimo Albertin, in un servizio trasmesso in questa trasmissione, racconta delle minacce subite per aver chiesto la rimozione del crocifisso nell’aula scolastica del figlio e per  essersi rivolto alla Corte Europea  ed ecco la reazione scomposta e assurda del succitato prete.

Si sta rivelando, spero agli occhi di molte persone,  il  loro vero volto…

“…il problema di fondo oggi e’ l’UAAR […] Crea confusione: partendo da un discorso di laicità, che non è assolutamente vero che laico è l’ateo. Lo stato permette tutto e non permetterebbe gli atei perché gli atei non avendo una religione non potrebbero esistere come associazione. Quindi sarebbero pure illegali e illeciti secondo il mio punto di vista. Di fatto è un problema la loro esistenza perché non creano un’opinione positiva, ma è una lotta spietata all’ultimo sangue contro la Chiesa e le tradizione della Chiesa crocifisso compreso”.

ILLEGALITA’ ATEA , dunque? E gli atti VANDALICI sono NORMALI?????

Ma per favore!!!!!!

Siamo NOI il pericolo. E’ scomodo avere tra le vesti un’associazione di cittadini che si battono pacificamente per il rispetto dei principi costituzionali di uguaglianza e di laicità.
Inoltre è MOLTO pericoloso far notare ai cittadini tutte le questioni economiche che intervengono nella gestione di queste “opere di bene” che tu citi. Vi invito a dare un’occhiata alla pagina dell’otto per mille, a quella in cui si dice cosa sono gli oneri secondari di urbanizzazione, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole Statali ecc ecc
E SIA CHIARO: il nostro obiettivo è quello di RICHIAMARE i POLITICI al rispetto della COSTITUZIONE, ricordando loro che lo Stato ITALIANO è LAICO e LAICISTA.
Il credente continui a credere , ma usi i propri soldi dello stipendio per finanziare la sua Chiesa, non quelli di chi NON vuole essere suddito dei capi di una confessione religiosa.

FORSE NON TUTTI SANNO CHE: La presenza del crocefisso nelle aule scolastiche e nei tribunali non è prevista da alcuna legge dello Stato, ma solo contenuta all’interno di due regi decreti di epoca fascista, il n. 965 del 30 aprile 1924, e il n. 1297 del 26 aprile del 1928, che la Consulta ha ritenuto dispositivi amministrativi, senza forza di legge.

Invece quella della Corte Europea  è una SENTENZA. Tanto per fare chiarezza

Viaggio fotografico nell’irrazionalità napoletana

Posted in cattolicesimo, religione e potere, riflessioni, uaar, video e foto with tags , , , , , , , , on 25/01/2010 by rosalbas

Resoconto video ( questo è il primo di otto)  della serata con Calogero Martorana (Insegnante di statistica, coordinatore del circolo UAAR di Napoli) svoltasi giovedì 21 gennaio 2010 presso la sede UAAR di Roma

Ricordo che da piccola ( avevo circa sette o otto anni) , rimasi scioccata alla vista dei santini, posti sui fanali dietro le automobili, che si illuminavano ogni qual volta il guidatore frenava!  Mi dissi che c’era qualcosa di assurdo in questo… Ci sono ritornata da grande e non ho cambiato opinione, anzi ho scoperto altri aspetti di questa città che hanno aumentato la mia inquietudine… Basta osservare tutti i video e ascoltare i commenti di Calogero per individuarne alcuni: abusivismo, illegalità, inadempienza degli assessori, furbizia, incuria, deturpazione dei luoghi pubblici ecc ecc

Non tutti i napoletani sono così, certo, ma come ha anche affermato Calogero, se vivi lì o accetti e pertecipi o subisci.

Nessuno si offenda, ma io scapperei se vivessi a Napoli…anche se , ovviamente, l’irrazionalità ( e non solo) non è presente solo lì o nei suoi dintorni. Certo è che a Napoli e dintorni la “cosa” è accentuata ASSAI!

Rosalba  ( mio padre era di Sapri e fuggì via dalla Campania nel 1953 per gli stessi motivi di cui sopra )

Rimosso per aver chiesto il rispetto dei principi costituzionali di uguaglianza e di laicità

Posted in laicità, politica, religione e potere, uaar, video e foto with tags , , , , , , on 22/01/2010 by rosalbas

Solidarietà PIENA a Luigi!!!!!

I magistrati mafiosi restano al loro posto mentre un giudice serio
viene rimosso perché chiede il rispetto dei principi costituzionali di
laicità e di uguaglianza .

FORSE NON TUTTI SANNO CHE: La presenza del crocefisso nelle aule scolastiche e nei tribunali non è prevista da alcuna legge dello Stato, ma solo contenuta all’interno di due regi decreti di epoca fascista, il n. 965 del 30 aprile 1924, e il n. 1297 del 26 aprile del 1928, che la Consulta ha ritenuto dispositivi amministrativi, senza forza di legge.

Invece quella della Corte Europea dei diritti dell’uomo è una SENTENZA. Tanto per fare chiarezza

TUTTO CIO’ E’ INDEGNO DI UN PAESE CHE VUOLE DIRSI CIVILE!

LEGGI LA NOTIZIA

I COMMENTI

LA PRECEDENTE VITTORIA

VEDI IL VIDEO : INTERVISTA AL GIUDICE TOSTI ( 2007)

Chi vuole i crocefissi vada in Vaticano

🙂

ROMA: un milione di euro alle parrocchie

Posted in 1 with tags , , , , , , , , , on 19/01/2010 by rosalbas

Le istituzioni dirottano alle Chiese, cattolica in testa, ingenti somme di denaro sottraendole ai bilanci pubblici: alcuni di questi finanziamenti sono noti, seppur superficialmente, come l’Otto per mille. Altri sono invece silenti e ignoti ai più.

Tra questi ultimi spicca una tassa occulta che una legge dello Stato prevede possa essere stornata a vantaggio delle Opere relative a chiese ed edifici per servizi religiosi e delle Opere relative a centri civici e sociali – attrezzature culturali e sanitarie, categoria in cui si annidano numerose presenze confessionali. (Fonte Uaar)

UN TESORETTO  per le parrocchie romane.

La maggioranza di centrodestra del Comune di Roma ha stanziato, riporta Repubblica, un milione di euro per “contributi alle parrocchie capitoline”. PERCHE’?

Loro ( LORO)  dicono di farlo in considerazione “dell’insostituibile ruolo che svolgono in favore della comunità cittadina”. La procedura è estremamente semplificata: le parrocchie dovranno compilare un modulo con il tipo di progetto per cui chiede i fondi e il codice Iban psu cui farli accreditare.

IN REALTA’ E’ UN REGALO ULTERIORE DEI POLITICANTI CLERICAL-CONFESSIONALISTI ( CIOE’ UN REGALO CON I SOLDI DI TUTTI) ALLA CHIESA CATTOLICA (VEDI  ANCHE ONERI SECONDARI DI URBANIZZAZIONE), IN AGGIUNTA ALL’ ESENZIONE DELL’ICI, SENZA CONTARE LA LEGGE TRUFFA, A LIVELLO NAZIONALE, DELL’OTTO PER MILLE , SENZA CONTARE LA QUESTIONE DEI DOCENTI DI RELIGIONE PAGATI IN MODO MIGLIORE RISPETTO AGLI ALTRI DOCENTI ecc ecc

E PIANGONO SEMPRE MISERIA!!!!

VI INVITO AD UNA RIFLESSIONE:

IN CHE CONDIZIONI SONO LE NOSTRE SCUOLE???? GLI OSPEDALI????

Insegnanti di IRC con trattamento speciale…

Posted in cattolicesimo, laicità, politica, religione e potere, scuola, uaar with tags , , , , , , , , on 16/01/2010 by rosalbas

CI SONO DOCENTI DI SERIE A E ALTRI  DI SERIE B: QUELLI DI SERIE A INSEGNANO UNA MATERIA FACOLTATIVA, SONO PAGATI DALLO STATO ITALIANO, MA SCELTI DA UNO STATO STRANIERO…

CHI SONO????

DAL SITO UAAR “Aumenti per i prof di religione Un aumento esclusivo di stipendio: è quanto Giulio Tremonti, ministro dell’economia, avrebbe concesso agli insegnanti di religione cattolica. Lo denuncia Salvo Intravaia su Repubblica: l’aumento è riservato ai soli docenti di IRC, e cade in un periodo di forti tagli alla scuola pubblica e di un contratto nazionale che fatica a essere rinnovato. Si ricorda che gli insegnanti di religione sono nominati dai vescovi, ma hanno lo status di insegnanti di ruolo e sono pagati dallo Stato.”

COME NON LANCIARE UN URLO DI RABBIA????????

La copertina dell’Ateo attualmente in linea

Ateofobia o rispetto? Lettera aperta a papa Ratzinger – micromega-online – micromega

Posted in ateismo, cattolicesimo, laicità, politica, religione e potere, uaar with tags , , , , , , , , on 09/01/2010 by rosalbas

Il sito internet di MicroMega ha pubblicato , il 7 gennaio 2010,  una lettera aperta scritta dal segretario UAAR Raffaele Carcano indirizzata al papa. “Le recenti parole di apertura di Benedetto XVI verso gli atei lasciano diffidenti. Nei fatti, per la Chiesa l’ateismo è ancora una sorta di “bad company” a cui attribuire tutti i mali del mondo”.

Ateofobia o rispetto? Lettera aperta a papa Ratzinger – micromega-online – micromega.