Archive for the Cristianesimo Category

CRESCERE FIGLI SENZA DOGMI

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, diritti civili, etica, filosofia, laicità, libri, scuola, uaar with tags , , on 22/11/2015 by rosalbas

INDOTTRINAMENTO INFANTILE FOTO

Ho curato la sua  prefazione  dato il grande interesse per l’argomento, sia come genitore che come insegnante.

Ho parlato di INDOTTRINAMENTO INFANTILE e ho letto  alcuni stralci del libro che è un testo davvero utile e ben scritto.
L’incontro si è tenuto
Giovedì 26 novembre 2015 – ore 18.00
Il Circolo Uaar (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) di Roma ha presentato: “Crescere figli senza dogmi” di Deborah Mitchell” Nessun Dogma editore
Sono intervenute:
Elisabetta Bertini, psicologa psicoterapeuta
Rosalba Sgroia, insegnante
Modera: Cinzia Visciano, Coordinatrice Circolo Uaar di Roma

Ecco le foto della  presentazione di questo libro.

FB_IMG_1448620834089

12316257_10208020217203847_4122417558509145240_n12246801_10153228389808161_7715147404883111506_n

LO SCHOCK PRIMARIO di Luigi de Marchi

Posted in cattolicesimo, Cristianesimo, laicità, libri, mie recensioni, religione e potere, uaar with tags , , , , , , , on 26/03/2013 by rosalbas

2603201311319

Rosalba Sgroia e Luigi de Marchi alla libreria Odradek- Roma (2003)

8839712089

LO SCHOCK PRIMARIO

recensione di Rosalba Sgroia

Luigi De Marchi. Lo shock primario. Le radici del fanatismo da Neanderthal alle Torri gemelle. Roma, ERI – Edizioni RAI 2002, pagg. 254, € 13,00. ISBN 8839712089

Lo schema interpretativo proposto nel libro consente di rendersi conto non solo delle molteplici elaborazioni psicologiche e culturali dell’angoscia di morte, ma anche come queste abbiano causato una serie di danni gravissimi all’umanità.

Abbandonato l’assunto, prima sostenuto, che considerava l’essere umano – fondamentalmente sereno e pacifico – trasformato di volta in volta in vittima e carnefice dalla cosiddetta “società malata” (determinismo sociologico), l’autore ha ultimamente concepito uno schema interpretativo dell’intero processo dell’evoluzione culturale umana per spiegare, in termini “psicologico-esistenziali”, proprio la natura negativa di una società che da sempre ha provocato infelicità, distruzione, sfruttamento, violenze, etc. Come si sarebbe originata, specialmente in epoca pre-culturale, questa struttura malata e violenta, partendo da una base umana tendente all’armonia e alla bontà? Ripercorrendo le tappe teoriche di noti filosofi, sociologi e psicologi, specialmente riesaminando gli studi di Freud sull’istinto di morte e quelli di Reich sull’angoscia dell’orgasmo, Luigi De Marchi inizia a ipotizzare che la morte, o meglio, l’angoscia di morte, abilmente rimossa in tutte quelle teorie interpretative (proprio secondo il noto meccanismo difensivo freudiano), abbia provocato nell’uomo primordiale «…una reazione di terrore e di panico […] definita shock esistenziale che sta alla base della nascita e di molti sviluppi della cultura umana, se per cultura s’intende […] la produzione di idee, fantasie, miti, credenze…». De Marchi è consapevole che è impossibile dimostrare, senza ombra di dubbio, quando la scimmia umana iniziò a darsi questo tipo di cultura (non quella cosiddetta “materiale”, privilegiata dagli studi marxisti); tuttavia nota che «…il più antico documento di cultura umana […] finora conosciuto […] sono le sepolture neandertaliane del paleolitico medio».

La particolare posizione rannicchiata, i resti di cibo fossilizzati, insomma tutta una ritualizzazione della sepoltura deducibile da questi elementi, lascerebbe supporre (l’autore afferma con certezza) l’esistenza di una capacità ideativa, un’elaborazione mitico-fantastica, secondo la quale s’iniziava a credere a una vita oltre la morte, proprio negando la morte stessa; una sorta, quindi di difesa psichica contro lo shock primario, cioè l’inevitabilità della propria morte. Anche i riti d’iniziazione, caratterizzati dal passaggio da una morte simbolica a una rinascita, sembrano essere «…un’altra testimonianza dal carattere primario e prioritario della negazione della morte rispetto a ogni altra motivazione culturale». Anche in altre civiltà antichissime si nota l’ossessione e il terrore di morire, per esempio in quella egizia. Dunque, l’autore sostiene che ogni tipo di cultura ha posto le basi sullo shock esistenziale e sul bisogno emozionale immediato e non consapevole di difendersi dall’angoscia di morte, sopraggiunta contemporaneamente alla nascita della coscienza.

CONTINUA A LEGGERE

LO SBATTEZZO

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, diritti civili, laicità, poesie di nero assenso, religione e potere, uaar with tags , , , , , , , , on 10/01/2013 by rosalbas

ARTICOLO 20 comma 2
della DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO
“NESSUNO PUO’ ESSERE COSTRETTO A FAR PARTE DI UN’ASSOCIAZIONE”
Con il BATTESIMO  non scelto , SIAMO STATI TUTTI ( o quasi) ISCRITTI ALLA CHIESA CATTOLICA, CHE, TRA L’ALTRO, NON HA FIRMATO TUTTI GLI ARTICOLI DELLA SUDDETTA DICHIARAZIONE
BONIFICHIAMO QUINDI LE FALSE STATISTICHE BASATE SUI BATTESIMI E ” SBATTEZZIAMOCI”

http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/

PENSATE UN PO’ SE L’UAAR ISCRIVESSE I NEONATI ALL’ASSOCIAZIONE.
NON LO FAREBBE MAI!
LA CHIESA CATTOLICA LO FA!
SE NON SEI CATTOLICO SUL SERIO CANCELLATI DAL LORO REGISTRO! IO L’HO FATTO!
-ooo-

Copia di rosy e sara appena nata

L’ACQUA SANTA

Ossessive e catartiche abluzioni
per levar l’onta primordiale.
Ceri ardenti e candide vesti
per iniziar così il cerimoniale
che all’indiscussa fede apre le porte.

La testolina ignara
dalle “sante acque” lambita
s’avvia ad esser consacrata
e, tra le possenti e pietose spire
dell’Assoluto Bene, riposta.

Poi il travaso dei santi precetti
all’ombra di una croce
per impinguare le coscienza impure,
d’indicibili peccati di bambino macchiate.
Intermediata assoluzione
magica superstizione.

Si può sperare che il futuro buffetto
sulle acerbe guance
possa svegliar la dignità assopita
nella nebbia degli incensi
e, incredula d’esser stata lesa,
ricongiunga i pensieri, mediti, dubiti…
( se il risveglio non sia avvenuto prima!)

Ma intanto i pesanti tomi consacrati
s’impregnano d’indelebile inchiostro,
testimone d’un comprovato assenso,
sigillo della santità in nuce.
E le le congiunte mani tonacali
iniziano a sfregarsi con “lussuria”.
“ Siamo in tanti, siamo forti”.
Recita così il coro degli eletti.

E giù con l’amalgama di terrene e divine leggi
per soggiogar teste pensanti e indipendenti.
E non t’azzardar a proferir diverse congetture
che l’onta ti risucchia vivo!
E non ti sognar di confutar miracoli e visioni
chè non sarai degno d’esser ascoltato.
-L’umiltà professata d’ingiuriosa spocchia è rivestita.-

Affìdati alla Volontà Divina.
ne trarrai conforto, giovamento e stima!
( Ci servono i docili fedeli, è il nostro quotidiano “pane”)
E dalla Santa Mano accarezzato,
sotto le santificate coltri dell’Unico e giusto verbo
l’alito di luce e di salvezza ti sarà donato!

Rosalba Sgroia

DA NERO ASSENSO
Fabio Croce Editore 2003

http://www.uaar.it/news/2013/01/09/boom-sbattezzi-natale/

Figli di un Dio tiranno. Mia recensione

Posted in Cristianesimo, libri, mie recensioni, religione e potere with tags , , , , , on 30/10/2012 by rosalbas

Anche questa una mia recensione scritta qualche anno fa. Un libro spiazzante, peccato che, però, non si citassero anche le altre sette, ancora più organizzate e totalizzanti…

CHIARA BINI e PATRIZIA SANTOVECCHI (a cura di), Figli di un dio tiranno:dieci storie di fuoriusciti da gruppi religiosi, Avverbi  Edizioni, Roma, aprile 2002, pagine 138, euro 10,00

Recensione di Rosalba Sgroia VEDI ANCHE SU > http://www.uaar.it/ateismo/opere/57.html

“ Chi siamo? Dove stiamo andando? C’è grossa crisi!” Le simpatiche battute esistenziali di Corrado Guzzanti nei panni del santone di turno, interpretato in uno dei suoi esilaranti show, ci hanno fatto sorridere  su un   fenomeno che  purtroppo non è affatto divertente: il fiorire dei gruppi religiosi  più estremi.

La cronaca ogni tanto ci riserva notizie sul crescente numero di casi in cui è intervenuta la magistratura per indagare su episodi, avvenuti in queste sette, che vanno dal controllo mentale teso alla privazione della libertà individuale, alle richieste di danaro, ai soprusi sessuali fino ad arrivare all’omicidio.

Il libro, curato  dalla giornalista Chiara Bini e da Patrizia Santovecchi, scampata dalle grinfie di una setta e attualmente impegnata nel sostegno ai fuoriusciti, raccoglie dieci storie vissute da ex-adepti  che hanno voluto testimoniare la drammaticità delle loro esperienze.  Le loro voci, per molto tempo messe a tacere  o limitate  a sofferti colloqui privati, si sono  a poco a poco liberate per  chiedere un legittimo riconoscimento, non per suscitare pietà o commiserazione, ma per ottenere giustizia e informare l’opinione pubblica dei danni provocati dal “perdere se stessi” e la ragione, inseguendo una fede che diventa “tiranna”.

Leggendo i dieci racconti, tra l’altro ben curati dal punto di vista narrativo, ci si accorge che le vittime fagocitate dalle spire dei “grandi maestri” e delle “santone” non sono persone poco intelligenti o deboli, quanto quelle più sensibili e idealiste, che si sono lasciate entusiasmare  dalle soluzioni pronte offerte dalle verità assolute trascendentali  per avere le certezze e  le risposte ai  loro grandi interrogativi esistenziali.

Il libro riporta anche articoli di cronaca, tratti da alcuni quotidiani, in cui si evidenziano alcuni dei gruppi incriminati : i Testimoni di Geova, gli Hare Krishna, Scientology, la setta di Moon, l’Opera di Gesù di Mamma Ebe e  la Comunità Sant’Antonio Abate di Gabriele Basmagi. Inoltre, offre una sorta di decalogo – suggerito dallo psicoterapeuta Steven Hassan- un aiuto su come affrontare i più frequenti luoghi comuni riferiti ai cosiddetti culti distruttivi (da quelli di matrice induista a quelli penitenziali degli integralisti cristiani).

Tribù atea de-converte un missionario- video da guardare

Posted in ateismo, Cristianesimo, religione e potere, storia, video e foto with tags , , , , , , , on 26/10/2010 by rosalbas

Ateismo e felicità

“I Pirahã non hanno alcun concetto minimamente riferibile ad un essere supremo o ad un dio creatore.Sono assolutamente atei.Per loro le cose semplicemente esistono e nessuno le ha create.Gli spiriti a cui fanno spesso riferimento non vanno intesi nella nostra comune accezione.Possono essere loro stessi nelle rappresentazioni teatrali,personaggi dei loro sogni,stranieri dalla pelle chiara(che loro attribuiscono all’assenza di sangue) o animali della giungla.”

 

FRATTINI E L’ATEOFOBIA e gruppo su Facebook

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, laicità, politica, religione e potere, uaar with tags , , , , , , , , , , , , on 24/10/2010 by rosalbas

Riporto interamente il post delle Ultimissime UAAR. Ciò che il Ministro Frattini ha affermato è gravissimo e non si può restare indifferenti e inattivi.


In merito alle violente affermazioni del ministro Frattini (cfr. Ultimissima di ieri), l’UAAR ha inviato oggi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano un messaggio con il quale chiede che il ministro ritiri le sue dichiarazioni, oppure si dimetta. L’associazione invita tutti i soci e i simpatizzanti a scrivere a loro volta al Capo dello Stato, esprimendo, anche in una sola riga, il proprio sostegno alla richiesta formulata dall’UAAR.
Il testo del messaggio:

Signor Presidente,
il ministro degli esteri, Franco Frattini, ha scritto l’altro ieri un articolo violentissimo nei confronti di chi non crede. Ha infatti sostenuto che «l’ateismo, il materialismo e il relativismo» sono «fenomeni perversi», caratterizzati da «fanatismo e intolleranza», che «minacciano la società», e vanno pertanto combattuti con un’alleanza tra cristiani, musulmani ed ebrei.
Circostanza ancora più grave, l’articolo in questione è stato pubblicato sull’Osservatore Romano, organo di informazione della Santa Sede (il quotidiano di una delle comunità religiose coinvolte nell’alleanza, quindi, tra l’altro pubblicato all’estero) e ripubblicato sul sito del ministero degli esteri.
Un uomo dichiaratamente ateofobo che incita alla ‘Santa Alleanza’ contro una minoranza (peraltro ragguardevole) dei cittadini del suo paese, certamente non nota alle cronache per aver fomentato atti destabilizzanti o terroristici, non è degno di essere ministro di uno Stato che individua nella laicità e nella libertà di coscienza due supremi principi costituzionali.
L’UAAR, associazione di promozione sociale che ha come suo primario scopo la difesa dei diritti civili dei cittadini atei e agnostici, chiede a Lei, garante della Costituzione e dell’uguaglianza di tutti i cittadini, sancita dall’art. 3, un autorevole intervento nei confronti dell’On. Frattini affinché ritiri le sue dichiarazioni o, in caso contrario, si dimetta, perché le sue idee sono chiaramente incompatibili con la carta costituzionale e ledono la considerazione internazionale del nostro paese, che come ammette lo stesso Frattini è ormai isolato «tra i paesi fondatori dell’Unione Europea».
Sarà comunque cura dell’associazione dare il massimo risalto, nazionale e internazionale, a espressioni indegne dell’incarico rivestito.

Cordiali saluti
Raffaele Carcano
Segretario UAAR

Frattini ateofobo: l’UAAR crea una pagina e un gruppo su Facebook

In risposta alle dichiarazioni ateofobe del ministro degli esteri, Franco Frattini, l’UAAR ha creato una pagina e un gruppo su Facebook che ne chiedono le dimissioni. L’associazione rinnova  inoltre l’invito a scrivere anche al presidente della Repubblica.

La classifica della violenza religiosa

Posted in cattolicesimo, Cristianesimo, politica, religione e potere, storia, uaar, vaticano with tags , , , , on 28/08/2010 by rosalbas

La classifica della violenza religiosa

Raffaele Carcano*

Raffaele Carcano

Come hanno mostrato Nick Hornby e l’IFFHS, all’umanità piace redigere e commentare ogni tipo di classifica, anche la più strampalata. Anche gli increduli non si sottraggono a questo passatempo, dedicandosi periodicamente a cercare di stabilire quale sia la religione peggiore. C’è chi ha risolto la questione con un moto di spirito («Le religioni non sono tutte uguali, sono ognuna peggiore dell’altra»), e c’è chi dedica settimane a disputare con i sostenitori dell’opinione opposta. Perché, alla fine, la controversia viene sempre ristretta a due sole fedi: l’islam e il cristianesimo. Con l’aggiunta, talvolta, di un terzo monoteismo, l’ebraismo. Non c’è, ovviamente, alcun criterio oggettivo per stabilire quali requisiti debba avere la religione «pessima».

CONTINUA A LEGGERE

LA CROCE DELLA CHIESA: LA DONNA (E IL SESSO) Citazione di “santi”

Posted in cattolicesimo, Cristianesimo, libri, mie recensioni, religione e potere, storia with tags , , , , , , , , , , , , , on 11/04/2010 by rosalbas

ECCO UN LIBRO CHE VI CONSIGLIO DI LEGGERE:

LA CROCE DELLA CHIESA. STORIA DEL SESSO NEL CRISTIANESIMO DI K. DESCHNER

“Deschner percorre con abilità i tortuosi sentieri che hanno visto le donne
le principali vittime di una violenza sessuofobica inaudita, la cui
oppressione ha segnato l’esistenza d’intere generazioni.” ( Rosalba Sgroia)

LINK per leggere la mia recensione

“Non ti accosterai a donna per… scoprire la sua nudità durante l’immondezza

mestruale.” Levitico 18, 19

 

“Se alcuni verranno a contesa fra di loro e la moglie dell’uno si avvicinerà per

liberare il marito dalle mani di chi lo percuote e stenderà la mano per afferrare

costui nelle parti vergognose, tu le taglierai la mano e l’occhio tuo non dovrà averne

compassione.” Deuteronomio, XXV, 11

 

“vale più la malizia d’un uomo che la bontà d’una donna”. Ecclesiaste 42, 14

 

“È causa della donna che è iniziato il peccato ed è a causa sua che noi moriamo

tutti” Ecclesiaste 25, 24

 

“Ogni donna impudica sarà calpestata come sterco nella via. ” Siracide IX, 10

 

“Dalla donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua tutti moriamo. Non dare

all’acqua un’uscita né libertà di parlare a una donna malvagia. ” Siracide

25, 24

 

“Come può giustificarsi un uomo davanti a Dio e apparire puro un nato di donna?”

Giobbe 25,4

 

“Trovo che amara più della morte è la donna, la quale è tutta lacci: una rete il suo

cuore, catene le sue braccia. Chi è gradito a Dio la sfugge ma il peccatore ne

resta preso.” Ecclesiaste VII, 26

 

“Chiamarono  Lot e gli dissero: «Dove sono quegli uomini che sono entrati da te  questa notte? Falli uscire da noi, perché possiamo abusarne!». 6 Lot  uscì verso di loro sulla porta e, dopo aver chiuso il battente dietro di  sé, 7 disse: «No, fratelli miei, non fate del male! 8 Sentite, io ho  due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le  porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a  questi uomini, perché sono entrati all’ombra del mio tetto». ” Genesi  19,5-8

 

“Quando un uomo ha preso una donna e ha vissuto con lei da  marito, se poi avviene che essa non trovi grazia ai suoi occhi, perché  egli ha trovato in lei qualche cosa di vergognoso, scriva per lei un  libello di ripudio e glielo consegni in mano e la mandi via dalla casa.”  Deuteronomio 24, 1

 

” Fate il censimento di tutta la comunità  degli Israeliti, secondo le loro famiglie, secondo il casato dei loro  padri, contando i nomi di tutti i maschi, testa per testa”

Numeri 1,2

 

San Paolo:

“Non permetto alla donna di insegnare, né di comandare all’uomo, ma se ne stia

silenziosa. Infatti Adamo fu plasmato per primo, poi Eva; e non fu sedotto Adamo

prima, ma la donna essendo stata sedotta cadde nella trasgressione.” Lettere a

Timoteo

 

“Come in tutte le comunità dei fedeli, le donne nelle assemblee tacciano perché

non è loro permesso parlare; stiano invece sottomesse, come dice anche la legge.

Se  vogliono imparare qualche cosa, interroghino a casa i loro mariti,  perché è sconveniente per una donna parlare in assemblea.” Corinzi XIV,  34-35

 

“E infatti non l’uomo deriva dalla donna, ma la donna dall’uomo; né l’uomo fu creato

per la donna,ma la donna per l’uomo”. Corinzi I, 11,8

 

“Così  la donna non sposata, come la vergine, si preoccupa delle cose del  Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito; la donna sposata  invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere al  marito… In conclusione, colui che sposa la sua vergine fa bene e chi  non la sposa fa meglio.” 1-Corinzi

7, 34 +38

 

Tertulliano:

“Abbracciare  le donne è come abbracciare un mucchio di letame, la donna è figlia  della falsità, sentinella dell’inferno, nemica della pace, la donna è la  porta dell’inferno, la strada che porta all’iniquità, la puzza dello  scorpione.”

 

Sant’Agostino:

“La donna è in rapporto con l’uomo come l’imperfetto ed il difettivo col perfetto. La donna è fisicamente e spiritualmente inferiore e la sua inferiorità risulta dall’elemento fisico, più precisamente dalla sua sovrabbondanza di umidità e dalla sua temperatura più bassa. Essa è addirittura un errore di natura, una sorta di maschio mutilato, sbagliato, mal riuscito.” San Tommaso d’Aquino, Summa Teologica

“In ogni caso la donna serve solo alla propagazione della specie. Tuttavia la donna trascina in basso l’anima dell’uomo dalla sua sublime altezza, portando il suo corpo in una schiavitù più amara di qualsiasi altra.” San Tommaso d’Aquino, Summa Teologica

“Cosicchè si vede come causata da una natura particolare (dell’azione del seme maschile), una donna non sia altro che una mancanza, o una caso negativo. Per il potere attivo dello sperma, esso cerca sempre di produrre qualcosa di completamente uguale a sè stesso, cioè un maschio. Se invece viene generata una donna, questo può accadere perchè il seme è debole, o perchè la materia (fornita dalla femmina) è inadeguata, oppure per l’azione di fattori esterni come l’azione dei venti meridionali che rendono umida l’aria.” San Tommaso d’Aquino, Summa Teologica, 1, q. 92, art 1

 

“Una madre, in quanto sposata, otterrà in cielo un posto inferiore a quello della figlia in quanto vergine.”

 

“Le donne non dovrebbero essere illuminate o educate in nessun modo.

Dovrebbero, in realtà, essere segregate poiché sono loro la causa di orrende ed involontarie erezioni di uomini santi.”

 

“Non  può esserci dubbio che è più consono all’ordine della natura che l’uomo  domini sulla donna, piuttosto che la donna sull’uomo. Questo è il  principio che emerge quando l’apostolo (Paolo) dice, «La testa della  donna è l’uomo» e, «Mogli, siate sottomesse ai vostri mariti». Anche  l’apostolo Pietro scrive: «Sara obbediva ad Abramo, chiamandolo  padrone».” San Tommaso D’Aquino

“Cosicchè si vede come  causata da una natura particolare (dell’azione del seme maschile), una  donna non sia altro che una mancanza, o una caso negativo. Per il potere  attivo dello sperma, esso cerca sempre di produrre qualcosa di  completamente uguale a sè stesso, cioè un maschio. Se invece viene  generata una donna, questo può accadere perchè il seme è debole, o  perchè la materia (fornita dalla femmina) è inadeguata, oppure per  l’azione di fattori esterni come l’azione dei venti meridionali che  rendono umida l’aria.” Summa Teologica, 1, q. 92, art 1

 

“..sul conferimento degli Ordini (ad una donna), essa non potrà riceverli, perchè

dal  momento che un sacramento è un segno, non solo la cosa, ma anche la  significazione della cosa è richiesta in tutte le azioni sacramentali;  … Di conseguenza, poichè non è possibile nel sesso femminile  significare una eminenza di grado, dato che la donna è in uno stato di  soggezione, segue che una donna non può ricevere gli Ordini  sacramentali.” Summa Teologica, Suppl., q. 39, art 1.

 

“Il valore principale della donna è costituito dalla sua capacità di partorire e dalla sua utilità nelle faccende domestiche. ”

 

“La  donna è un tempio costruito su una cloaca. Tu, donna, sei la porta del  diavolo, tu hai circuìto quello stesso [maschio] che il diavolo non  osava attaccare di fronte.

 

È a causa tua che il figlio di Dio ha dovuto morire; tu dovrai fuggire per sempre in gramaglie e coperta di cenci.” Tertulliano

 

“Se  gli uomini potessero vedere quel che si nasconde sotto la pelle, la  vista delle donne causerebbe solo il vomito. Se rifiutiamo di toccare lo  sterco anche con la punta delle dita, come possiamo desiderare di  abbracciare una donna, creatura di sterco?” Sant’Odone, abate di Cluny

 

“La  donna è male sopra ogni altro male, serpe e veleno contro il quale  nessuna medicina va bene. Le donne servono soprattutto a soddisfare la  libidine degli uomini. ” San Giovanni Crisostomo

 

“la donna deve essere assoggettata all’uomo e servirlo come una schiava, e non può esserci altra strada. ” Antonio de Butrio

 

“La  donna è meno morale dell’uomo essendo imbevuta di più liquido, elemento  mutevole. Il che la rende volubile, curiosa: quando ha un rapporto con  un uomo desidera farsi penetrare anche da un altro. Credimi, se le dai  fiducia sarai deluso. Credi ad un esperto maestro. La donna è un uomo  malriuscito che cerca di ottenere ciò che desidera con la falsità, con  inganni demoniaci. L’uomo deve guardarsi da ogni donna, come da un  serpente velenoso e un diavolo cornuto. Se raccontassi ciò che so sulle  donne, il mondo ne rimarrebbe strabiliato. –

E poi – Nel rapporto sessuale l’uomo si assimila alla bestia. –

Ma  non finisce qua perchè: – il seme maschile fa nascere forme perfette,  ossia maschili, ma se per qualche avversità esso si guasta, allora fa  nascere femmine…. perché nel coito c’è solo deformità, turpitudine,  immondizia, ribrezzo.” Sant’Alberto Magno

 

“Quando vedi una donna, pensa che si tratti del diavolo! Essa è come l’inferno! ” Papa Pio II

 

 

 

***********

 

1. Le donne non dovrebbero essere illuminate od educate in nessun  modo. Dovrebbero, in realtà, essere segregate, poiché sono loro la causa  di orrende ed involontarie erezioni di uomini santi (Agostino).

 

2.  Non permetto alla donna di insegnare, né di comandare all’uomo, ma se  ne stia silenziosa. Infatti Adamo fu plasmato per primo, poi Eva; e non  fu sedotto Adamo prima, ma la donna essendo stata sedotta cadde nella  trasgressione. Pure si salverà come madre e procreatrice, purché rimanga  nella fede e nella carità e nella santità, con modestia (Paolo, Lettere  a Timoteo).

 

3. Le donne siano soggette ai propri mariti come al  Signore, perché il marito è il capo della donna come anche Cristo è il  capo della Chiesa (Paolo, Lettera agli Efesini)

 

4. Ogni donna  che prega o profetizza a testa scoperta, reca un affronto al suo capo,  infatti sarebbe come se essa fosse rasata. Pertanto se una donna non  vuole mettersi il velo, si tagli addirittura i capelli! Ma, se per una  donna è vergognoso tagliarsi i capelli o essere rasata, si copra col  velo. L’uomo invece, non deve velarsi il capo, essendo egli immagine e  riflesso di Dio; mentre la donna è riflesso dell’uomo (Paolo, Lettere ai  Corinti).

 

5. Ognuno sia sottomesso alle superiori autorità,  perché ogni autorità viene da Dio e quelle che esistono sono state  stabilite da Dio; così chi si oppone all’autorità, resiste  all’ordinamento stabilito da Dio (Paolo, Lettera ai Romani).

 

6. È  certo bene per un uomo di non accostarsi a donna alcuna; tuttavia per  prevenire l’impudicizia, ciascuno abbia la propria moglie e ciascuna  abbia il proprio marito (Paolo, apostolo e santo, Lettere ai Corinti).

 

7.  Adamo è stato condotto al peccato da Eva, non Eva da Adamo. È giusto,  quindi, che la donna accolga come padrone chi ha indotto a peccare  (Ambrogio, padre della chiesa, santo).

 

8. La donna è un tempio  costruito su una cloaca (…) Tu, donna, sei la porta del Diavolo, tu hai  circuito quello stesso che il diavolo non osava attaccare di fronte. È a  causa tua che il figlio di Dio ha dovuto morire; tu dovrai fuggire per  sempre in gramaglie e coperta di cenci (Tertulliano, scrittore latino  cristiano, padre della chiesa e santo).

 

9. A una donna non è  permesso parlare in chiesa, insegnare, battezzare, fare offerte,  reclamare per se una parte di una funzione maschile né ricoprire alcuna  carica sacerdotale (Tertulliano)

 

10. Nella Chiesa la donna è chi agisce in modo muliebre e sciocco (Haimo d’Auxerre)

 

11. La donna non può ricevere i sacri ordini perché per sua natura si trova in condizioni di schiavitù (Graziano)

 

12.  Dalla donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua tutti moriamo.  Non dare all’acqua un’uscita né libertà di parlare a una donna malvagia.  (Siracide 25, 24)

 

13. Non mostri la sua bellezza a qualsiasi  uomo, non segga a ciarlare insieme con le altre donne, perché dagli  abiti esce fuori la tignola [tarma dei panni] e dalla donna malizia di  donna. (Siracide 42, 12)

 

14. Meglio la cattiveria di un uomo che  la bontà di una donna, una donna che porta vergogna fino allo scherno.  (Siracide 42, 14)

 

15. Non concedo a nessuna donna di insegnare,  né di dettare legge all’uomo; piuttosto se ne stia in atteggiamento  tranquillo. (1Timoteo 2, 12 NT)

 

16. Non dare l’anima tua alla tua donna, sì che essa s’imponga sulla tua forza. (Siracide 9, 2)

 

17.  Il fatto d’appartenere al sesso femminile non può tradursi in alcun  ruolo importante, in quanto la donna ha uno stato di subordinazione, per  cui non può ricevere il sacramento dell’Ordine (San Tommaso santo e  padre della chiesa)

 

Parola del Signore

 

– “Alla donna  disse: Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore  partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti  dominerà” (Genesi 3, 16)

 

– “Non ti accosterai a donna per scoprire la sua nudità durante l’immondezza mestruale” (Levitico 18, 19)

 

–  “Allora il sacerdote farà giurare alla donna con un’imprecazione; poi  dirà alla donna: Il Signore faccia di te un oggetto di maledizione e di  imprecazione in mezzo al tuo popolo, facendoti avvizzire i fianchi e  gonfiare il ventre; quest’acqua che porta maledizione ti entri nelle  viscere per farti gonfiare il ventre e avvizzire i fianchi! E la donna  dirà: Amen, Amen!” (Numeri 5, 21)

 

– “Quando una fanciulla  vergine è fidanzata e un uomo, trovandola in città, pecca con lei,  condurrete tutti e due alla porta di quella città e li lapiderete così  che muoiano: la fanciulla, perché essendo in città non ha gridato, e  l’uomo perché ha disonorato la donna del suo prossimo. Così toglierai il  male da te.” (Deuteronomio 22, 23)

 

– “Quando un uomo verrà  colto in fallo con una donna maritata, tutti e due dovranno morire:  l’uomo che ha peccato con la donna e la donna. Così toglierai il male da  Israele” (Deuteronomio 22, 22)

 

“Come in tutte le comunità dei  fedeli, le donne nelle assemblee tacciano perché non è loro permesso  parlare; stiano invece sottomesse, come dice anche la legge” [1Corinzi  14, 34 NT]

 

– “Le mogli siano sottomesse ai mariti come al  Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo  della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa  sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro  mariti in tutto.” [Efesini 5, 22 NT]

 

– “[Gesù] ma io vi dico:  chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con  lei nel suo cuore.” [Matteo 5, 28 NT].


La riclericalizzazione della Scuola Pubblica Statale

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, diritti civili, laicità, politica, religione e potere, scuola, uaar, video e foto with tags , , , , , , , , , on 14/03/2010 by rosalbas

SEDE UAAR, VIA OSTIENSE 89 – ROMA

Nell’ambito degli Incontri del giovedì organizzati dall’UAAR, giovedì 11 marzo, alle ore 18, presso la sede UAAR di via Ostiense 89 a Roma, ha avuto luogo un incontro con ROSALBA SGROIA (Insegnante, responsabile del progetto “Ora alternativa”) sul tema “Il ministro Gelmini e la riclericalizzazione della scuola pubblica”.

Questo è il primo di sette video:

Il ministro Gelmini e la riclericalizzazione della scuola pubblica

Posted in ateismo, cattolicesimo, Cristianesimo, diritti civili, laicità, politica, religione e potere, storia, uaar with tags , , , , , , , , , on 07/03/2010 by rosalbas

SEDE UAAR, VIA OSTIENSE 89 – ROMA

Nell’ambito degli Incontri del giovedì organizzati dall’UAAR, giovedì 11 marzo, alle ore 18, presso la sede UAAR di via Ostiense 89 a Roma, avrà luogo un incontro con ROSALBA SGROIA (Insegnante, responsabile del progetto “Ora alternativa”) sul tema “Il ministro Gelmini e la riclericalizzazione della scuola pubblica”.

Per informazioni: info@uaar.it, 06-5757611 (dalle 14.30 alle 17)

pericolo_catechismo

ARCHIVIO:

Audizione UAAR, disponibile il resoconto stenografico

E’ stato pubblicato sul sito della Camera dei Deputati il resoconto stenografico integrale dell’audizione di Giorgio Villella (segretario UAAR) e Rosalba Sgroia (responsabile del progetto Ora Alternativa) svoltasi il 10 gennaio 2007 presso la commissione Affari Costituzionali.

http://legxv.camera.it/_dati/lavori/bollet/frsmcdin.asp?percboll=/_dati/lavori/bollet/200701/0110/html/01/&pagpro=4n3&all=off&commis=01

IL MIO INTERVENTO

ROSALBA SGROIA, Rappresentante dell’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti.

Presidente, sono un’insegnante della scuola elementare, laureata in psicologia. Ho vissuto sulla mia pelle, come genitore, la discriminazione nei confronti di mia figlia in una scuola materna comunale di Roma. Ho iniziato a protestare, quando ho constatato che mia figlia, pur non avvalendosi dell’ora di religione, pregava (non con l’insegnante di religione, ma con un’altra insegnante) e veniva discriminata rispetto ai bambini di tre anni o quattro anni perché non credeva che esistesse il diavolo sotto terra (come le veniva detto) e prendeva schiaffi dagli altri bambini, che sostenevano che sarebbe andata all’inferno. Probabilmente, non lo diceva l’insegnante, ma sono frasi che comunemente si ripetono.
Se per la scuola statale la legge prevede quattro opzioni, per la scuola comunale si prevedono solo due alternative: frequentare l’ora di religione o non frequentarla. Non sono previste altra possibilità.
Abbiamo pensato di avviare questo progetto dell’ora alternativa per rendere esplicita una dissonanza contestuale all’interno delle nostre istituzioni scolastiche. Il progetto dell’ora alternativa consiste in un laboratorio on line, per cui tutti, indistintamente, anche le persone che vogliono dare contributi dal punto di vista di altre religioni, possono inviare materiale, per offrire agli insegnanti la possibilità di scegliere un piano di studio, dalla materna alle scuole superiori.
Devo dire che il progetto sta procedendo molto, molto bene. Innanzitutto, offriamo riferimenti normativi (quindi, vademecum). Molti genitori sono spaesati anche perché nelle scuole, pur essendoci un modulo preciso con quattro opzioni, a volte le stesse passano sottobanco e non vengono prospettate le possibilità; inoltre, si sollevano molti problemi, dall’impossibilità di uscire prima all’impossibilità di svolgere l’ora alternativa, ed il bambino viene spostato a destra e a sinistra; vi è, dunque, un vuoto normativo che la stessa Clotilde Pontecorvo ha esplicitato in un libro: anche se esistono leggi, le stesse non tutelano fino in fondo.
Il primo obiettivo è una reale parità tra chi si avvale dell’insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica e chi decide di non avvalersene; in particolare, questo progetto è rivolto a genitori, studenti, insegnanti, a chi è interessato alle attività formative, alternative previste dalla legge, a chi incontra difficoltà finanziarie, normative ed organizzative che ne impediscano l’attuazione.
Il secondo obiettivo del progetto, più ambizioso e sostanziale, è il superamento dell’attuale sistema educativo, che discrimina gli scolari in base alle scelte religiose; a volte le famiglie sono indotte a far frequentare ai propri figli l’ora di religione. Lo dico dall’interno, nel senso che, più volte, mi è capitato di ascoltare discorsi del tipo: che male fa?
Parlando con l’onorevole Stefania Craxi, le dissi che, nel 1984, durante il Governo presieduto da suo padre, fu deciso che la religione cattolica non fosse più la religione ufficiale dello Stato italiano; purtroppo, però, erano state inserite due ore di religione cattolica nelle scuole materne (devo dire che, dal punto di vista psicologico, ciò è abbastanza particolare).
Quando poi si sostiene che l’ora di religione cattolica non viene insegnata nella scuola materna, ma che si insegna solo l’educazione all’amore e all’amicizia, mi chiedo per quale motivo sia stata inserita l’ora di religione cattolica, quando non si deve fare l’ora di religione cattolica, quando io, come insegnante laica – non atea, ma laica – insegno i valori dell’etica intrinseca all’essere umano! Anzi, abbiamo anche scritto dei libricini e abbiamo fatto filosofia, ma non ho dato risposte; sono stati i bambini che hanno elaborato il pensiero. Quindi, insegnare a pensare.
Ecco che le dissonanze contestuali, le stranezze, escono fuori. Come diceva il segretario Villella, nelle scuole vengono recitate le preghiere. Non sono contemplate le preghiere nella scuola pubblica! Ciò non perché non si debbano fare in assoluto: esistono dei luoghi preposti a questo. Tutto qui.
Lavorando insieme a questo progetto, l’obiettivo è di realizzare un sistema educativo che non discrimini più tra cattolici e non cattolici. Potrebbe diventare veramente qualcosa di più di un semplice desiderio ed il problema non esiste. Anche in politica, spesso, i giornali parlano di contrapposizione tra laici e cattolici: no, è tra laici e confessionalisti! Questa è la realtà.
Quindi, esprimiamo massimo rispetto per l’opinione personale religiosa, ma vogliamo essere rispettati.