Archivio per coming out

“Prolegomeni a qualsiasi metafisica” di PAOLO FERRARINI

Posted in ateismo, mie recensioni, musica, video e foto with tags , , , , , , , on 06/11/2013 by rosalbas

543414_10151685146166859_750357352_n

Recensione dell’album “Prolegomeni a qualsiasi metafisica” ( 2013)

Ascoltare le composizioni di Paolo Ferrarini  è un’emozione continua .

In  “PROLEGOMENI ” troviamo il giusto abbinamento della   sapiente filosofia, esplicata nei testi, con  la ricerca elegante dei suoni.

Suggestioni evocate da suoni  surreali, para-musicali e da melodie  delicate e grintose.

Contenuti di una profondità disarmante, squarci di luce nelle tenebre dell’ignoranza che ci circonda.

Luce della conoscenza, luce di una nuova e positiva realtà che deve necessariamente farsi spazio, uscendo dalle angustie del pregiudizio e dell’ingiuria.

Un album che ristora, che fa riflettere, che commuove.

Le voci di Paolo Ferrarini, della strepitosa cantante Jessica Bertolani e di Alison Medini, si fondono sapientemente  con le parole e le armonie che avvolgono piacevolmente l’ascoltatore,  stimolando emozioni ed intelletto contemporaneamente.

Qui riporto il brano ” NUOVA VITA”  -nella versione pop-  tratto da Prolegomeni, un Coming Out  di una persona che vuole estrinsecare il suo essere, la sua essenza, il suo vero orientamento sessuale, smascherando l’ipocrisia socio-religiosa che colpevolizza  e che emargina.

Tanto ancora c’è da dire, ma non voglio togliervi il gusto di scoprire personalmente le sensazioni che queste composizioni possono suscitare…

Vi consiglio  di ascoltare anche “Paradigmi gnoseologici” , altro album di grandi suggestioni  musicali  che ricordano i Dead Can Dance.

                                                                                                               Rosalba Sgroia

UNA NUOVA VITA, COMING OUT SONG di PAOLO FERRARINI

Posted in diritti civili, riflessioni, video e foto with tags , , , , on 21/10/2010 by rosalbas

http://www.paoloferrarini.net/ita/news/2010/10/19/nuova-vita/

E c’è voluta una vita
Per arrivare qui
Un sacrificio cruento
Di tutto ciò che fui
E quanti applausi ho lasciato
Per non macchiarmi di plagio
Come restare a mio agio
Su basi che ho sradicato?
E mi dispiace, natura
Se non lavoro più per te
Lo sai, ti ho sempre seguito
Adesso seguimi tu
Perché ho scoperto che in fin dei conti
La mia esistenza non è che un gioco
Una scommessa
Contro il tempo e contro te
E non c’è niente di strano
Di eccezionale
In ciò che rimane
Di una nuova vita
E mi piaceva creare
Un mondo di illusioni
Credendo vera l’immagine di me
Che disegnavo nel fumo
Ho amato soltanto formule
Dimentico dei risultati
Ho amato soltanto idee
Adesso amami tu
Non mi importa se c’entra un fato
Un gene, un morbo, un affetto non dato
Nessuno oggi può toccare la mia essenza
E non c’è niente di strano
O di anormale
In ciò che rimane
Di una nuova vita
Ora so che non c’è niente di strano
Di eccezionale
O di immorale
:
Si ama solo ciò che si conosce
Non c’è niente di strano
Di eccezionale
In ciò che rimane
Di una nuova vita

p[ i] – Sett-Dic 1998
(c) 2010