Archivio per libertà di espressione

LAICITA’ IN STATO D’ALLERTA- VIDEO

Posted in ateismo, cattolicesimo, diritti civili, laicità, politica, religione e potere, uaar with tags , , , , , , , , , , , , on 29/11/2010 by rosalbas

Coproduzione C.L.A.V. e Centre d’Action Laique, realizzato con la collaborazione di: Atheist Ireland; Federation Humaniste Europeenne; Humanist Association of Ireland; Romanian Humanist Association; Unione Atei Agnostici Razionalisti. Edizione italiana a cura dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti(UAAR).

Intervistati Raffaele Carcano, segretario UAAR, Adele Orioli responsabile legale UAAR

PRIMA PARTE

SECONDA PARTE

“Preferisco ragionare anziché credere: ecco perchè sono ateo!”

Posted in ateismo, diritti civili, filosofia, laicità, uaar with tags , , , , on 16/10/2009 by rosalbas

Pubblicità UAAR a Pisa

Ecco uno dei manifesti che sono stati affissi a Pisa. Spero che non ci siano altri problemi come quelli che si sono avuti con gli ATEOBUS a Genova e con i manifesti di Pescara che avevano come slogan: ” “La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che ne puoi fare a meno.

Già, perché in questo Paese chi si dichiara ateo o agnostico non ha vita facile e viene ancora additato come persona empia… alla faccia dell’art. 3  della Costituzione italiana.

Invece, chi si dichiara credente ( meglio se prima cattolico, poi cristiano, poi musulmano ecc…) deve avere la dovuta reverenza e “credibilità”.

Addirittura, i manifesti affissi a Pescara sono stati oggetto di duri attacchi da parte di F.N.

“Pertanto, Forza Nuova, considerato anche il pilatesco comunicato dell’amministrazione comunale pescarese in merito a tale fatto, provvederà, nelle giornate di lunedì e martedì, a “riparare materialmente”alla grave offesa che questi manifesti provocano alla città di Pescara ed ai suoi cittadini, rimuovendoli uno dopo l’altro.”

Comunque, ritornando ai manifesti di Pisa,  potete leggere la notizia nel dettaglio, attraverso la comunicazione di Giovanno Mainetto, Coordinatore del Circolo UAAR di Pisa a cui va il mio personale ringraziamento.