Archivio per ora religione

Raiuno: prete lancia attacchi illiberali contro l’uaar e i suoi soci – Per lui gli atti vandalici sono atti di liberta’ e il vero reato e’ essere atei!

Posted in 1 with tags , , , , , , , , , , , , , , on 26/01/2010 by rosalbas

Ecco le testuali parole di un prete , un certo don Mario Pieracci, che attacca pesantemente l’UAAR nella trasmissione “La vita in diretta” . Si parlava del crocifisso,  della vicenda della rimozione del Giudice Luigi Tosti , della sentenza di Strasburgo e del ricorso vinto dalla famiglia Albertin.

Massimo Albertin, in un servizio trasmesso in questa trasmissione, racconta delle minacce subite per aver chiesto la rimozione del crocifisso nell’aula scolastica del figlio e per  essersi rivolto alla Corte Europea  ed ecco la reazione scomposta e assurda del succitato prete.

Si sta rivelando, spero agli occhi di molte persone,  il  loro vero volto…

“…il problema di fondo oggi e’ l’UAAR […] Crea confusione: partendo da un discorso di laicità, che non è assolutamente vero che laico è l’ateo. Lo stato permette tutto e non permetterebbe gli atei perché gli atei non avendo una religione non potrebbero esistere come associazione. Quindi sarebbero pure illegali e illeciti secondo il mio punto di vista. Di fatto è un problema la loro esistenza perché non creano un’opinione positiva, ma è una lotta spietata all’ultimo sangue contro la Chiesa e le tradizione della Chiesa crocifisso compreso”.

ILLEGALITA’ ATEA , dunque? E gli atti VANDALICI sono NORMALI?????

Ma per favore!!!!!!

Siamo NOI il pericolo. E’ scomodo avere tra le vesti un’associazione di cittadini che si battono pacificamente per il rispetto dei principi costituzionali di uguaglianza e di laicità.
Inoltre è MOLTO pericoloso far notare ai cittadini tutte le questioni economiche che intervengono nella gestione di queste “opere di bene” che tu citi. Vi invito a dare un’occhiata alla pagina dell’otto per mille, a quella in cui si dice cosa sono gli oneri secondari di urbanizzazione, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole Statali ecc ecc
E SIA CHIARO: il nostro obiettivo è quello di RICHIAMARE i POLITICI al rispetto della COSTITUZIONE, ricordando loro che lo Stato ITALIANO è LAICO e LAICISTA.
Il credente continui a credere , ma usi i propri soldi dello stipendio per finanziare la sua Chiesa, non quelli di chi NON vuole essere suddito dei capi di una confessione religiosa.

FORSE NON TUTTI SANNO CHE: La presenza del crocefisso nelle aule scolastiche e nei tribunali non è prevista da alcuna legge dello Stato, ma solo contenuta all’interno di due regi decreti di epoca fascista, il n. 965 del 30 aprile 1924, e il n. 1297 del 26 aprile del 1928, che la Consulta ha ritenuto dispositivi amministrativi, senza forza di legge.

Invece quella della Corte Europea  è una SENTENZA. Tanto per fare chiarezza

ORA ALTERNATIVA, L’UAAR PENSA AL RICORSO

Posted in diritti civili, laicità, politica, religione e potere, scuola, uaar with tags , , , , , , on 20/10/2009 by rosalbas

Copio e incollo dal sito UAAR


Dopo l’articolo del 16 ottobre (Ora di religione, non c’è alternativa) l’edizione genovese di Repubblica è tornata a dedicare ieri la sua attenzione al problema. Un articolo di Donatella Alfonso dal titolo Ora di religione senza alternativa, gli atei pronti al ricorso ha dato ampiamente conto della reazione UAAR, tanto da meritarsi la prima pagina dell’inserto.

Image Hosted by ImageShack.us

Comunicato congiunto di Associazioni e Comitati della Scuola Per la Scuola della Repubblica e Genitori democratici

Posted in diritti civili, laicità, politica, religione e potere, scuola, uaar with tags , , , , , , , , , , on 19/10/2009 by rosalbas

Comunicato congiunto di Associazioni e Comitati della Scuola Per la Scuola della Repubblica e Genitori democratici

Il comunicato è stato sottoscritto anche dalla Consulta romana per lalaicità delle istituzioni,dall’Associazione “31 ottobre”, dal Comitato Insegnanti Evangelici Italiani, dal Comitato Torinese per la Laicità della Scuola, dal Movimento di Cooperazione Educativa, dalla Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni, da DEMOCRAZIA LAICA, dalla FNISM, dall’associazione Giuditta Tavani Arquati, dall’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

COMUNICATO

Le difficoltà che in questo inizio d’anno scolastico ricadono pesantemente su coloro che non scelgono l’insegnamento della religione cattolica (IRC) inducono le nostre associazioni a intervenire pubblicamente a sostegno delle denunce di genitori, studenti, insegnanti.

A noi si rivolgono genitori democratici, studenti che credono nella laicità della scuola e si vedono costretti a subire discriminazioni senza che venga loro riconosciuto il rispetto di un diritto costituzionalmente garantito.

Alle purtroppo frequenti violazioni arbitrarie del passato si aggiunge quest’anno l’alibi della scarsità di personale scolastico a causa dei pesanti tagli ai bilanci delle scuole e della grande riduzione del numero di insegnanti.

RIBADIAMO CON FORZA che sia il Nuovo Concordato (1984), sia le leggi applicative, sia pronunciamenti della Corte Costituzionale e della Giustizia Amministrativa, le stesse circolari ministeriali IMPONGONO LA PIENA

FACOLTATIVITA’ DELL’IRC, e, contestualmente, il pari diritto di coloro che non si avvalgono a veder rispettate le proprie libere scelte : un’attività formativa con apposito docente, studio individuale libero o assistito, la possibilità di assentarsi dalla scuola. Trattandosi di DIRITTI è obbligo dell’amministrazione scolastica assicurarne la fruibilità .

Coloro che non scelgono l’IRC non possono venire trasferiti come pacchi da una classe all’altra, o essere costretti a rimanere in classe durante l’irc come “uditori”, o essere invitati a uscire dalla scuola per non creare problemi, se ciò non corrisponde a una spontanea richiesta.

CI RIVOLGIAMO pertanto ai DIRIGENTI SCOLASTICI, agli ORGANI COLLEGIALI delle scuole affinché prendano in esame tutte le possibili soluzioni, e, in caso di assoluta conclamata impraticabilità a garantire un’attività alternativa se richiesta NON ESITINO A RIVOLGERSI ISTITUZIONALMENTE AL MINISTERO P.I. PER OTTENERE SUBITO LE RISORSE NECESSARIE.

Ai GENITORI e agli STUDENTI non avvalenti raccomandiamo di mantenere ferma senza compromessi la rivendicazione del diritto alla propria dignità, di non tollerare che chi sceglie l’IRC- insegnamento facoltativo confessionale -fosse anche un solo alunno – disponga dal primo giorno di scuola di un apposito docente, mentre NULLA E’ PREVISTO PER CHI USUFRUISCE DEL NORMALE ORARIO SCOLASTICO DI UNA SCUOLA LAICA.

Il diritto alla libertà di coscienza è un diritto non negoziabile, riguarda la singola persona e non può essere questione di maggioranza o minoranza.

Ricordiamolo sempre!

Iniziative giuridiche

ORA ALTERNATIVA( NEGATA) ALL’IRC.INIZIATIVE GIURIDICHE

Posted in diritti civili, laicità, politica, religione e potere, scuola, uaar, vaticano with tags , , , , , , , , , , , , , on 18/10/2009 by rosalbas

ORA ALTERNATIVA, PRATICAMENTE MORTA…

Nel video l’Avv. Mario di Carlo

“E’ evidente che siamo di fronte a una strategia ben precisa: la ri-clericalizzazione della scuola pubblica. Per questo motivo l’UAAR informa  ufficialmente tutti i genitori che per i propri figli intendono avvalersi di  un insegnamento alternativo, e se lo sono visti rifiutare dal proprio istituto per mancanza di risorse, che intende tutelare in sede giuridica il loro diritto costituzionale alla libertà di coscienza e di espressione. Per
aumentare le possibilità di buon esito dell’iniziativa legale saranno privilegiate quelle realtà che coinvolgono una pluralità di soggetti, tra i quali cittadini iscritti all’associazione. Chi fosse interessato può scrivere a segretario@uaar.it, e/o a soslaicita@uaar.it.”

CONTINUA A LEGGERE SU UAAR

ReligioneNoGrazieAdesivoUAAR

SCUOLA LAICA?

Posted in ateismo, diritti civili, laicità, scuola, uaar, video e foto with tags , , , on 05/10/2009 by rosalbas
UAAR TV- CIO’ CHE LA TV DI STATO NON PUBBLICA

( ne è gradita la diffusione!)
Ecco tutti gli interventi sulla questione della laicità violata nella scuola statale italiana fatti il 19 settembre 2009 al primo meeting nazionale “Liberi di non credere” organizzato dall’UAAR per rivendicare i diritti di atei e agnostici e in generale la piena realizzazione della laicità dello stato.
Franco Coppoli – Crocifissi fuori luogo – 1/2 – VAI AL VIDEO
Franco Coppoli – Crocifissi fuori luogo – 2/2 – VAI AL VIDEO
Luciano G. Calì – Clero a Scuola VAI AL VIDEO
Rosalba Sgroia – Ora AlternativaVAI AL VIDEO
Fabio Milito Pagliara – Scuola ed educazioneVAI AL VIDEO
UAAR TV